CORSICA IN MOTO

_FIL2458Corsica, un’isola geograficamente Italiana ma che appartiene alla Francia. ho avuto la fortuna di visite la Corsica in moto con le mie due compagne d’avventura, Valera e la mia “kappona”, comincio con il dirvi che è un’isola incantevole, non solo per il mare ma anche per le bellezze paesaggistiche e le strade spettacolari che la attraversano, la Corsica sembra fatta a misura di motociclista, strade panoramiche a picco sul mare ma anche bellissime strade di montagna, sembra quasi che qualcuno abbia staccato parte delle vette alpine e le abbia trasportate su quest’isola è come se una parte delle alpi fosse stata circondata per sbaglio dal mare.

QUANTI GIORNI CI VOGLIONO PER VISITARE LA CORSICA?

Questa domanda può ricevere mille risposte diverse, dipende tutto da che genere di tour decidiate di fare, girarla in moto senza però andare al mare? Andare la mattina al mare ed il pomeriggio in moto? Visitare ogni singola spiaggia, paese ed ogni singola vetta?
Vi racconterò ed illustrerò il mio giro, sono partito da Livorno il 27/06/2020 alle 14:00 , il viaggio in traghetto dura circa 4h 30′ salvo ritardi dovuti a svariati motivi.

GIORNO 1, DA BASTIA A SAINT-FLORENT

Screenshot_2020-07-15 Mappa senza titolo - Google My Maps

Sbarcato a Bastia alle 19:15 mi sono diretto a nord percorrendo la D80, la D232  e la D180 per poi reimmettermi sulla D80 a Santa Severa sulla costa est del “dito”, il ritardo accumulato sul traghetto mi ha permesso di proseguire sulla parte ovest della D80 all’ora del tramonto, il sole che calava su un mare calmo, la strada praticamente vuota, e il rombo della mia moto nelle orecchie, non potevo chiedere di meglio, e così fino a Saint-florent.

GIORNO 2 DA SAINT-FLORENT A CALVI PASSANDO PER LA SALECCIA

Sveglia presto, colazione e via di nuovo in sella sulla D81, questa volta si prosegue verso ovest, subito dopo Casto si imbocca la strada sterrata che conduce alla famosa spiaggia della Saleccia, circa 12 km tra rocce, terra, pietre e sabbia, ma nulla di troppo impegnativo per una maxi-enduro con le gomme giuste, in circa mezz’oretta andando tranquilli si arriva in un autentico paradiso, un tuffo è d’obbligo!
Ci si asciuga e si riparte, un serpentone di curve ci aspetta, ci reimmettiamo sulla D81 in direzione Isola Rossa, ma prima di raggiungerla svoltiamo verso l’interno imboccando la D363 che ci porta dritti a Palasca, breve sosta e via verso le montagne percorrendo la RT301.

_FIL2286

Dopo parecchie curve decidiamo di tornare verso il mare percorrendo la D247, in direzione Olmi-Cappella passando per la D547 e la D963, il serpentone di curve contuna, attraversiamo Poggiola, Speloncato, Feliceto, Murato fino a giungere a Calvi, splendida cittadina di mare di origine genovese, merita una visita la parte vecchia e il paesino, ma soprattutto fermatevi per cena a mangiare le famose Mules (cozze).

_FIL2321
CALVI

GIORNO 3 DA CALVI A CORTE

Si parte in direzione sud percorrenda la D81B, una strada costiera di grande bellezza, nei pressi di Galèria ci reimmettimo sulla D81 e continuiamo a percorrerla passando da Porto, urrivati alla Plage du Liamone imbocchiamo la D25, che dopo qualche km si tramuterà in D125, ci porterà dritti verso l’entroterra, il paesaggio comincia a farsi montano, le strade sono strette ma bellissime, pareti verticali e splendide montagne la fanno da padrona, poco prima di raggiungere Rezza svoltiamo a sinistra percorrendo la D4 fin o a Murzo, dopodichè imbocchiamo la D23 per qualche chilometro fino al quadrivio che incrocia la D70, procediamo verso nord sulla D70 fino a raggiungere la D84 che ci condurrà fino a Pont de Castrilla, attraversiomo il ponte e ci immettiamo sulla D18 che ci condurrà dritti fino a corte, una deliziosa cittadina al centro esatto della Corsica che brulica di vita, centro nevralgico da cui partono molti escursionisti alla volta delle bellissime montagne Corse, siamo arrivati, scarichiamo i bagagli e ci dirigiamo su una strada senza sbocco ma che vale sia l’andata che il ritorno, 24 km di bellezze paesaggistiche senza eguali, la famosa Restonica.

GIORNO 4 DA CORTE A BONIFACIO

Screenshot_2020-07-15 Mappa senza titolo - Google My Maps(4)

Ci svegliamo nel cuore del parco regionale della Corsica e si parte alla volta di bonifacio, dritti verso sud passiamo da diversi paesini tra cui Venaco, Vivario, Ghisoni, Olivese e Figari, arriviamo a Bonifacio nel tardo pomeriggio ma abbiamo tutto il tempo di scaricare i bagagli in hotel, visitare bonifacio, acquistare un paio di bibite per poi dirigerci poco più ad est di bonifacio per raggiungere la cima di una falesia da cui ammirare il tramonto, vedere il sole che si spegne su Bonifacio è sicuramente una delle cose da non perdere.

_FIL2475-2
BONIFACIO

 

Rispondi