COSE DA VEDERE IN ISLANDA

L’ISLANDA E’ UNA TERRA MERAVIGLIOSA CHE RISERVA CENTINAIA DI SORPRESE.

Ogni zona dell’Islanda ha caratteristiche particolari e merita assolutamente una visita.

ISLANDA OCCIDENTALE

L’Islanda occidentale è la zona più popolata in cui si trova la capitale Reykjavik , città molto grande ricca di locali commerciali e notturni, ebbene si , non lo avreste mai detto vero? Reykjavik è una delle capitali con una movida super viva , di notte si riempie di giovani e di musica.

Merita una visita la penisola dello Snaefellsnes con le sue magnifiche spiaggia in cui è possibile ammirare le foche, varie tipologie di uccelli, gole spettacolari, vulcani e cascate , ghiacciai e strade pazzesche, come il corridoio di Kaldidalur, il Langjokull e la cascata Svodufoss.

FIORDI OCCIDENTALI

I fiordi occidentali sono a mio avviso una delle zone da non perdere assolutamente, le strade sono quasi tutte sterrate e si è lontani dal turismo di massa, i fiordi dell’ovest offrono paesaggi mozzafiato, spiagge a dir poco giganti e incantevoli come Raudasandur ed è possibile avvistare da vicinissimo le famose Pulcinelle di mare (Puffin) a Latrabjarg. Una delle cascate a mio avviso più belle d’Islanda si trova in questa zona , ed è la maestosa cascata Dynjandi. É possibile fare il bagno in pozze di acqua calda completamente gratuite, come a Vesturbyggd e a Kossneslaug. Prestate molta attenzione alla guida in quanto si incontrano una moltitudine di pecore come un po’ dappertutto.

ISLANDA SETTENTRIONALE

Islanda del nord è il paradiso dei geologi (un po’ come tutta l’Islanda) è ricca di paesaggi lunari, distese di lava solidificata, baie in cui è possibile avvistare le balene, le bellissime penisole che si affacciano sul gelido Mar di Groenlandia nei pressi del circolo polare artico, pozze termali e fanghi ribollenti.

É sicuramente una delle zone più turistiche d’Islanda, soprattutto la zona del lago Mivatn, dove è possibile osservare e toccare con mano quanto sia viva la terra in quella zona, vedrete pozze ribollenti, laghetti caldi nascosti tra le grotte e potrete fare dei bagni caldi rilassanti nella zona termale, merita assolutamente una visita, per l’avvistamento delle balene vi consiglio di partire dalla famosa città di Husavik.

ISLANDA ORIENTALE

L’Islanda orientale è altrettanto bella, offre paesaggi spettacolari soprattutto sui fiordi, cittadine di pescatori tra cui è nota Seydisfjordur con la sua stradina colorata che conduce ad una caratteristica chiesa islandese.

ISLANDA SUD-ORIENTALE

L’Islanda sud orientale è nota soprattutto per la presenza di uno dei ghiacciai più grandi al mondo, la calotta glaciale del Vatnajokull è la più grande d’Europa e la terza al mondo, prima di lei c’è il ghiacciaio dell’Antartide e il ghiacciaio della Groenlandia, merita assolutamente una visita anche la Diamond Beach e il Jokullsarlon, una spettacolare laguna con gigantesche strutture di ghiaccio galleggianti, non meno importanti sono le strepitose gole di Fjadrargljufur che incantano chiunque le visiti.

ISLANDA SUD OCCIDENTALE E IL CIRCOLO D’ORO

In questa zona dell’Islanda ci sono parecchie cose da visitare assolutamente, come ad esempio il parco nazionale del Pingvellir in cui è possibile vedere parte della gigantesca frattura medio atlantica che separa la calotta europea da quella nord americana. Reynisfjara, spettacolare spiaggia nera tanto bella quanto letale, considerata tra le spiagge più pericolose al mondo, ha preso le vite di molti turisti incoscienti che si sono avvicinati troppo alle sue acque. L’arcipelago delle Vestmannaeyjar con la sua baia d’ingresso al porto a dir poco maestosa, purtroppo il centro abitato è stato quasi completamente distrutto da un vulcano, ma la popolazione non si è data per vinta e ha ricostruito gran parte delle case distrutte. Geyser con i sui impressionanti Geyser . Le famosissime cascate haifoss, skogafoss, Gulfoss e Seljalandsfoss. ultima ma non meno importante la riserva di Fjallabak in cui si snodano spettacolari strade e paesaggi, una delle zone che mi ha regalato più emozioni, bisogna essere veri avventurieri per inoltrarsi a Fjallabak, non incontrerete anima viva per centinaia di km ma credetemi ne vale assolutamente la pena, attenzione però, incontrerete terreni difficilissimi e una moltitudine di guadi imponenti, alcuni dei quali profondi abbastanza da mettere in crisi anche piloti abili.

ALTOPIANI INTERNI

Gli altopiani interni sono veramente poco frequentati, vasti deserti , ghiacciai e oasi sono i paesaggi che vedrete, le piste che attraversano gli altopiani interni sono riservate esclusivamente ai veicoli adatti all’offroad , fate il pieno perché non esistono distributori, il nulla più totale,

(COSE DA SAPERE)

 

 

Rispondi